Home / Blog / Ricette / Senza lattosio / Torta Di Mele o Pere Rovesciata

Torta Di Mele o Pere Rovesciata

2 Novembre 2015

di Emanuela Caorsi

Porzioni

4 porzioni

Strumenti

  • Teglia 18 cm
  • Forno
  • Pentolino
  • Frusta

Preparazione

70 Minuti

Ingredienti

  • 2 mele o 2 pere
  • 200 gr di farina di riso integrale
  • 150 gr di farina di grano saraceno
  • 2 cucchiaini di lievito in polvere (v. nota)
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere (facoltativo)
  • 20 gr di zucchero di cocco
  • 60 gr olio di cocco (o ghee)
  • 240 ml di sciroppo d’acero (pari a 330 gr di miele d’acacia)
  • 180 ml di latte vegetale (mandorla/anacardi/soia/riso non zuccherato)
  • 1 cucchiaio di aceto di mele non pastorizzato
  • 50 gr di noci e 50 gr di uvetta (facoltativi)

Procedimento

  1. Preriscaldate il forno a 180°C.
  2. Sciogliete in un pentolino l’olio di cocco per pochi secondi (o il ghee).
  3. Tagliate a fettine sottili le mele (o le pere).
  4. Coprite la base di una teglia a cerniera di 20 cm con 1/2 cucchiaino di olio di cocco aiutandovi con i polpastrelli delle dita e spargete lo zucchero di cocco in modo uniforme. Disponete le mele (o le pere) in modo da creare un cerchio che segua la teglia -potrebbero avanzarvi alcuni spicchi-.
  5. In una ciotola capiente setacciate le farine insieme a lievito, bicarbonato, sale, cannella e zenzero.
  6. Aggiungete al pentolino in cui c’è l’olio di cocco anche lo sciroppo d’acero (o miele) e il latte vegetale e mescolate bene.
  7. Aggiungete il composto liquido a quello secco e mescolate con una frusta per togliere ogni grumo. (Aggiungete noci e uvetta se volete. Aggiungete l’aceto di mele e mescolate velocemente per incorporarlo.
  8. Versate l’impasto nella teglia e mettetela in forno con sotto un foglietto di carta da forno per evitare di sporcare il forno in caso uscisse un po’ di liquido. Cuocete per 40-50 minuti o finché uno stuzzicadenti infilato nella torta non ne uscirà pulito.
  9. Lasciate raffreddare la torta, quindi aprite la cerniera, appoggiate un piatto sulla torta e capovolgetela. Togliete la base. Avrete le mele/pere sopra. Servite.

Note

  • Potete fare il vostro lievito mischiando 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio e uno di cremor tartaro. In totale avrete quindi 2 cucchiaini di bicarbonato e 1 di cremor tartaro.
  • Potete sostituire il latte vegetale con un caco frullato e un pochino d’acqua.
  • Potete sostituire le farine con quelle che preferite -sempre integrali però, mi raccomando!
  • Non sostituite lo sciroppo d’acero/miele con sciroppo di riso altrimenti la torta risulterà poco dolce. Se vi piacciono i dolci molto poco dolci, allora fatelo senza problemi!

Curiosità

EmanuelaCaorsi-torta-pereOrmai mi ero talmente abituata a fare le torte crudiste -come questa e questa– per ogni occasione speciale, che avevo completamente dimenticato quanto fossero buone quelle cotte in forno.
Ci è voluto il compleanno di papà per farmi infornare una -anzi due!- torte e farmi riscoprire quanto il loro profumo che invade la cucina, sappia di casa e delle torte della mamma mangiate a colazione. Quante cose sono cambiate.
Io che ora a colazione mangio/bevo frullati verdi con il polline, bevo estratti con gli spianci o mangio fiocchi d’avena con latte di mandorla, sono giusto un pochettino diversa dalla bimba che mangiava la torta della mamma con una mezza litrata di tè a colazione, eppure i mio amore smodato per le torte, soprattutto quelle cosiddette “da latte”, rimane invariato, come ho dimostrato alla festa di papà spazzolandomi 3 fette di torta con completa nonchalance.
EmanuelaCaorsi-torta-mele-1

EmanuelaCaorsi-torta-mele-2
Dopo il compleanno di papà, ho già rifatto questa torta in innumerevoli versioni, con le mele, con le pere, con l’aggiunta di noci e uvetta, cambiando il tipo di farina -per me sempre senza glutine-, utilizzando il ghee -burro chiarificato fatto in casa da burro biologico- al posto dell’olio di cocco e utilizzando un caco frullato al posto del latte vegetale, ed è sempre venuta buonissima. Potete quindi usarla come base per sperimentazioni varie, basta che rispettiate il volume totale di ingredienti secchi -farina- e di ingredienti liquidi -miele/sciroppo d’acero, olio di cocco/ghee, latte vegetale/frullato/estratto-. Per farla bastano una ciotola e una frusta, quindi, si, direi che non avete alcuna scusa per non farla diventare la vostra colazione di domani mattina!
EmanuelaCaorsi-torta-pere-2

Una mela al giorno toglie il medico di torno

Eh si, non è solo un detto, ma la pura verità. Grazie al suo alto contenuto di fibre (una mela, mangiata con la buccia, ha circa 3.6 gr di fibre -circa il 17% delle fibre che dovremmo consumare ogni giorno-) le mele sono degli ottimi alleati per un buon funzionamento del nostro intestino e, ormai lo sapete, un intestino che funziona bene è la chiave della nostra salute. Durante la digestione produciamo tossine che devono essere “disattivate” dal fegato che, a sua volta, le “impacchetta” nella bile che va nell’intestino per far si che vengano definitivamente eliminate dal nostro corpo attraverso la ca..a. Ecco perché è così importante che il nostro intestino funzioni bene e le fibre, insieme all’acqua,  sono esattamente ciò di cui ha bisogno.
Le mele, oltre ad essere buonissime per tutti, grandi e piccini, sono perfette anche per innumerevoli disturbi come enteriti croniche, problemi alla prostata, infezioni intestinali, infiammazioni del colon, gozzo (ingrandimento della tiroide), gotta, diarrea, artrite , herpes e acidità di stomaco.
Si pensa addirittura che uno dei flavonoidi -composti chimici che si trovano solo alle piante- contenuti nelle mele, la quercitina, abbia proprietà anticancro superiori a quelle della vitamina C. Inoltre, la quercitina, potentissimo antiossidante, è riconosciuta essere molto utile nel trattamento di problemi alla prostata.
E come se non bastasse, le mele aiutano ad eliminare i metalli pesanti dal corpo, proteggono dai problemi al cuore, ripuliscono la vescica, proteggono contro gli effetti delle radiazioni -quindi se dovete fare dei raggi non dimenticate di mangiare almeno una mela prima e una dopo averli fatti!-, abbassano il livello del colesterolo nel sangue e la pressione sanguigna, mantengono in salute il sistema circolatorio e quello intestinale e stabilizzano il livello di zucchero nel sangue.
Attenzione: cercate sempre di acquistare mele biologiche perché sono tra gli alimenti che contengono il più alto livello di pesticidi se non biologiche. In ogni caso lavatele bene prima di mangiarle e togliete la buccia se non sono biologiche.
La ricetta originale di questa torta è sul libro di Sarah Britton di My New Roots. Io ne ho fatto una versione senza glutine e sostituito le prugne con le mele/pere.