fbpx

Home / Blog / Senza categoria / CREPES DI GRANO SARACENO / GF + VEG

CREPES DI GRANO SARACENO / GF + VEG

22 Maggio 2015

di Emanuela Caorsi

EmanuelaCaorsi-crepes-vegan
Avete presente quelle giornate in cui ci si sente incavolati con il mondo senza un motivo? Che poi se ci si pensa razionalmente ci si sente anche un po’ stupidi, ma non ci si può fare nulla: tutti sono antipatici e noi ci creiamo una corazza impenetrabile senza neppure sapere il perché.
Per me, l’unico modo per rompere quella ingombrante e fastidiosa corazza è mettermi in cucina, anche solo 10 minuti, ad affettare le mie verdure e a sperimentare: mi basta così poco ed ecco che torna il sorriso e anche se fuori inizia a venire giù il finimondo, io ora il sole lo ho dentro di me e va bene così.
Il primo esame si avvicina e sono immersa nei ripassi: proteine di qui, carboidrati di la, i grassi, le vitamine, i minerali e compagnia cantante. Tutte cose che a scuola mi lasciavano indifferente -e di cui se devo essere sincere non mi fregava una mazza fava!- e che ora invece mi affascinano come mai avrei immaginato. Mi piace un sacco l’idea di capire come funziono, come funzioniamo. Sappiamo tutto di tutto, dal nostro smartphone al frullatore, dalla macchina al comuper: non ci facciamo sfuggire nulla, ma del nostro corpo, ahimè, sono parecchie le cose che ci sfuggono. Ma nulla è perduto! C’è sempre tempo per imparare a conoscersi e mai come in questo campo vale il “meglio tardi che mai”. Basta iniziare e poi la strada è tutta in discesa.
I cambiamenti che contano sono quelli legati all’alimentazione di tutti i giorni: scegliere cereali integrali anziché raffinati (pasta integrale anziché la comune pasta “bianca”, riso integrale anziché il solito riso bianco), sostituire lo zucchero bianco con zucchero di cocco,  zucchero di canna integrale (moscobado o panela), sciroppo d’acero o miele biologico, preferire il sale marino o il sale rosa dell’Himalaya al comune sale da cucina, divertirvi a fare il vostro latte con mandorle, nocciole o anacardi anziché comprare il latte super pastorizzato e che di buono ha più ben poco rispetto all’”originale” latte crudo. Questi piccoli step possono già rappresentare tanto se giorno dopo giorno diventano un’abitudine. Ecco, si, se state cercando di cambiare qualcosa in cucina, fatelo gradualmente e quando il primo piccolo cambiamento diventerà un’abitudine, la normalità, allora sarete pronti per il passo successivo. E passin passetto noterete i benefici sulla vostra salute e di quella di coloro per cui cucinate e  vedrete che ci prenderete gusto, e allora non vi fermerà più nessuno!
Anche quella di oggi è una ricetta super veloce, che avevo in mente di provare a fare da un po’ di tempo: una semplissima crepes/piadina di grano saraceno da preparare in 5 minuti senza la necessità di particolari ingredienti, né strumenti, tranne il gingillo per fare le crepes -quel cosino a T che hanno nelle creperie, avete presente?-. Farina di grano saraceno, acqua, olio (io ho usato quello di cocco, ma voi potete tranquillamente usare quello extravergine di oliva) e sale. That’s it!
EmanuelaCaorsi-crepes-vegan
Potete farcirla come più vi piace, io la trovo deliziosa con delle verdure crude di stagione condite con sale e olio evo e perché no, con l’aggiunta di noci, mandorle e semini vari o anche con delle verdure saltate in padella. Se volete potete aggiungere un po’ di tahin o un po’ di “formaggio” di anacardi. Qui l’unica regola da seguire è: farcisci, arrotola e mangia!
Calde sono super, ma anche fredde sono buonissime e quindi perfette per un picnic o per la schiscetta da portare in ufficio. Potete anche usarle come sostitutivo del pane.
Come vi dico sempre, date sfogo alla fantasia,  questa ricetta è solo una base di partenza e poi…inventate!
EmanuelaCaorsi-crepes-vegan-1

Come combinare gli alimenti per digerire meglio

Ci sono periodi in cui si digerisce meno bene e ci si sente sempre un po’ appesantiti, in quel caso basta seguire alcune semplici regole per stare meglio.
Carboidrati e proteine non vanno d’accordo: quindi no a panino con prosciutto e formaggio, pasta al ragù o alla carbonara e al secondo con contorno con il pane e si, anche al tanto cool sushi. Immagino vi starete domandando per quale dannato motivo dovreste rinunciare a tutto questo. Bé, perché carboidrati e proteine vengono digeriti in modo completamente diverso: le proteine hanno bisogno di un ambiente altamente acido nello stomaco, mentre invece i carboidrati di un ambiente più alcalino (basico), quindi se arrivano nello stomaco proteine e carboidrati, diciamo che lo stomaco non ci capisce più un tubo, non sa chi digerire prima e chi dopo, con il risultato che la digestione diventa lentissima, i carboidrati fermentano e si formano più tossine. Insomma, un vero disastro!
I grassi sono meglio con i carboidrati che con le proteine poiché questi ritardano la digestione delle proteine, quindi evitate di aggiungere troppo olio quando mangiate proteine, ma mangiate senza problemi una fetta di pane -integrale- con olio e sale -poco!-.
Non mischiate proteine di origine animale -se le consumate- perché già la digestione delle proteine richiede molto tempo ed energie, figuratevi se mischiate due fonti diverse di proteine. Evitate quindi il piatto “leggero” per eccellenza: bresaola rucola e grana con olio e una fettina di pane perché leggero non lo è proprio per niente, quantomeno per quanto riguarda la digestione!
Mangiate la frutta lontano dai pasti perché la frutta viene digerita molto velocemente (circa 30 minuti) e se la mangiate dopo un pasto composto da proteine o carboidrati, questa rimane li, “in coda” in attesa di essere digerita. Ma visto che i carboidrati e ancora di più le proteine impiegano ore per essere digeriti, provate ad indovinare cosa succede? La frutta fermenta, crea acidità e quella fastidiosa sensazione di gonfiore e fastidio.
I legumi contengono sia proteine che carboidrati quindi se il vostro stomaco fa un po’ i capricci, evitateli per qualche tempo.
Ma allora cosa si può mangiare?
Verdura (cruda o cotta) e proteine con poco olio -insalta o verdure saltate con semi e frutta a guscio, pesce con verdure-
Verdura (cruda o cotta) e carboidrati -cereali integrali con verdure, pasta con verdure, insalata con il pane integrale-
Frutta e verdure crude possono essere mangiate insieme, fatta eccezione per melone e anguria che andrebbero mangiati da soli.
Non dovete mangiare così a vita anche perché se no rischiereste di impazzire, ma se attraversate un periodo in cui sentite che la vostra digestione è un po’ ballerina, seguite queste semplici regole e sentirete subito i benefici.
 

CREPES DI GRANO SARACENO / GF + VEG

Ingredienti.
150 gr di farina di grano saraceno
300 ml (300 gr) di acqua filtrata
1 tbs (1 cucchiai) di olio di cocco o olio extravergine di oliva
1/2 tsp (1 cucchiaino raso) di sale rosa dell’Himalaya
Procedimento.
Mettete la farina e il sale in una ciotola, aggiungete tutta l’acqua e mescolate con una forchetta fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Aggiungete l’olio (se usate quello di cocco fatelo sciogliere a bagno maria) e mescolate in modo che si amalgami alla pastella.
Scaldate una padella antiaderente, ungetela con un velo di olio di cocco o di oliva usando un pezzetto di carta da cucina o un batuffolo di cotone e versate mezzo mestolo di pastella. Distribuitela con il gingillo spargi crepes. Fatela cuocere per 1 o 2 minuti, giratela, proseguite la cottura per altri 2 minuti e mettetela su un piatto. Continuate così finché la pastella non sarà esaurita. Dovreste ottenere circa 6 crepes.
Farcitele come più vi piace, arrotolatele e mangiatele!